Skip to content

3 agosto ore 21:30

Valle/Sessa Cilento - Cortile Palazzo Coppola

A testa sutta

spettacolo con Giovanni Carta

Home / Edizione 2019 / A testa sutta

3 agosto ore 21:30

Valle/Sessa Cilento - Cortile Palazzo Coppola

Conduce Antonella Ippolito

intervento co-finanziato dal POC CAMPANIA 2014 -2020

21:30

A TESTA SUTTA

spettacolo con Giovanni Carta

di Luana Rondinelli
musiche Massimiliano Pace
regia Giovanni Carta
produzione Accura Teatro ROMA

Premio Fersen alla drammaturgia 2016
Premio come miglior attore al festival Teatri Riflessi 2015
Spettacolo vincitore del 1 Festival MONODRAMA di Sala Consilina 

Una Palermo assolata e polverosa fa da sfondo alla storia d’U biunnu. Il biondo, bambino dalla pelle chiara e dagli occhi azzurri, è troppo delicato per la vita dura di periferia. Nasce così il rapporto speciale di protezione e di amicizia con il cugino, il suo opposto: il “boss” del quartiere, “nero con gli occhi neri”un dualismo perfetto tra i due cugini, che si completano a vicenda “i piedi e la testa, la testa e i piedi, un gioco, se lo si fa in due non si cade “.
Luana Rondinelli prosegue qui il percorso iniziato con Giacominazza, un percorso che indaga la diversità e la sua forza. A testa sutta è un testo toccante, che si muove tra l’ombra dell’emarginazione e la luminosa spontaneità dei sentimenti.Sullo sfondo di una Palermo che restasse a guardare con le sue strade polverose e pettegole, ho immaginato di ricostruire il palcoscenico di un’infanzia dalle ore fragili e dai giochi duri, propri di quel rito di iniziazione che è la vita. La poesia avrebbe inondato il paesaggio delle palazzine popolari, velenose come alveari e fitte di complice vivacità, e si sarebbe snodata nei cortili, nelle strade terrose, nel chiasso dei bambini di strada fino a raccontarci di due personaggi opposti ma complementari.
E come dalla terra arida della Sicilia fiorisce il profumo dei gelsomini, così dal degrado sociale sboccerà un piccolo esempio di acerba bellezza, in cui scopriremo che i due personaggi non sono che uno solo, e che entrambi sono cresciuti tenendosi metaforicamente la mano, pur osservando la vita da due prospettive diverse, sentendola sulla pelle agli antipodi, là dove i piedi e la testa di uno saranno la testa e piedi dell’altro, ma unico resterà il baricentro dei cuori.

L'ingresso agli eventi è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, in caso di pioggia gli spettacoli avranno comunque luogo al chiuso

"Degustazioni cilentane al Dopofestival" è la sezione che accompagna ogni evento con la degustazione di prodotti locali provenienti da aziende a chilometro zero.

ph Ivan Nocera

ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA

Scroll To Top