dal 24 luglio al 10 agosto

Valle/Sessa Cilento - Palazzo Coppola

Malùra

una mostra di Simona Fredella

Home / Edizione 2021 / Malùra

dal 24 luglio al 10 agosto

Valle/Sessa Cilento - Palazzo Coppola

le mostre sono visitabili dalle 19 alle 21 previa prenotazione alla mail infosegretidautore@gmail.com

Malùra

una mostra di Simona Fredella

Malora: “perdizione, rovina, stato di grave dissesto”. In questa mostra è il corpo ad andare in malora. Protagonisti sono, infatti, i corpi di alcuni dei più noti autori/drammaturghi napoletani dal limitare dell’Ottocento fino ai giorni nostri, ritratti in un inusuale processo di de-composizione.
L’intento dell’artista è cercare di cristallizzare nel disegno la forza creatrice dell’universo immaginativo di ognuno di loro, che pulsa attraverso la materia organica divorandola, riplasmandola continuamente.
Quelli degli autori, sono corpi infestati, assediati ed insidiati da entità che essi stessi hanno ossessivamente evocato durante la loro esistenza, avendo amato, desiderato, sofferto; avendo vissuto immaginando e, dunque, avendo scritto.
I confini fisici cedono sotto i colpi dell’assedio, proclamano la resa sgretolandosi, sciogliendosi e lasciandosi rimodellare. Pelle, ossa, viscere si decompongono per poter essere ricomposte in un modo nuovo. Queste rovine putrescenti, ma fertili, gravide dei loro stessi parassiti, continuano a rigenerarsi nella distruzione. Il corpo “d’autore” continuerà a cambiare forma e potrà essere ri-scritto, o meglio, ri-disegnato da quegli stessi fantasmi che ora sono finalmente liberi di manifestarsi: nel ghigno sfrontato di un teschio che affiora da una crepa nel tufo; nell’ombra che per un attimo oscura i frammenti di uno specchio infranto; in un soffio che muove appena le tende in una stanza di un antico palazzo, di notte.
Tra quel che resta dei loro corpi, si potranno riconoscere: Eduardo Scarpetta, Raffaele Viviani, Eduardo De Filippo, Roberto De Simone, Manlio Santanelli, Enzo Moscato, Annibale Ruccello, Ruggero Cappuccio e Mimmo Borrelli. Autori-attori, questi, dello spettacolo senza fine della rovina che va in scena nel ventre di Napoli: enorme corpo di madre in bellissima, struggente malùra eterna.

Allestimento mostre a cura di Vincenzo Fiorillo e Paolo Iammarrone

L’ingresso agli eventi è gratuito e avviene su prenotazione fino ad esaurimento posti. La prenotazione si effettua tramite mail all’indirizzo infosegretidautore@gmail.com ed è da considerarsi valida solo dopo una mail di conferma che dovrà essere esibita, in forma cartacea o tramite cellulare, al personale del Festival. A causa del ridotto numero di posti disponibili, la disdetta è da effettuarsi 24 ore prima. Info al 348.4102880 dalle ore 11:00 alle ore 15:00

ph Sabrina Cirillo - Ag Cubo

ALTRI EVENTI IN PROGRAMMA